Il Fondo “Aiutiamoci nel Lavoro” nasce come strumento di risposta alle conseguenze che la pandemia da Covid-19 sta generando sul territorio della provincia di Lecco. Accanto alle difficoltà del sistema sanitario, chiamato a rispondere a continue emergenze, sono emerse fatiche che attraversano la vita quotidiana delle persone, anche nella sfera lavorativa.

L’alternarsi e il ripresentarsi di periodi di lockdown e chiusura delle attività economiche e produttive, commerciali e professionali, hanno determinato alcune criticità, solo parzialmente contrastate dalle misure pubbliche adottate dai diversi provvedimenti legislativi e dalle misure governative, statali e regionali. Criticità che insistono su un territorio già compromesso dalla crisi economica dello scorso decennio.

Nasce da queste considerazioni l’idea del “Patto territoriale per la promozione di iniziative e interventi di contrasto agli effetti della crisi occupazionale a seguito dell’emergenza pandemica – Fondo Aiutiamoci nel Lavoro” come risposta corale e condivisa tra tanti soggetti del territorio.

I soggetti firmatari hanno individuato nell’esperienza pregressa maturata dalla Fondazione Comunitaria del Lecchese con i Fondi “Aiutiamoci”, “Aiutiamoci 2.0” e “Aiutiamoci-Contrasto alle povertà” e nella contestuale collaborazione con Fondazione Cariplo e Fondazione Peppino Vismara, aspetti qualificanti su cui articolare l’attivazione del “Fondo Aiutiamoci nel Lavoro” funzionale alle esigenze sopra esposte.  [link: Il Patto territorialeSlide Patto]

OBIETTIVI

Offrire un concreto sostegno economico ai lavoratori del territorio al fine di contrastare il pericolo di disgregazione delle comunità territoriali, condividere i rischi e le opportunità di questa fase, supportare una ripartenza che non lasci nessuno ai margini.

DESTINATARI

  • Lavoratrici e lavoratori dipendenti (residenti o domiciliati in uno dei Comuni della provincia di Lecco o con ultima sede di occupazione in un’impresa con sede operativa nella provincia di Lecco), disoccupati a seguito di licenziamento e/o di scadenza del contratto a termine, di apprendistato, in somministrazione, a chiamata o di dimissioni per giusta causa, per effetti causati dalla crisi emergenziale;
  • Lavoratrici e lavoratori autonomi (partite IVA residenti in uno dei Comuni della Provincia di Lecco non iscritte al Registro Imprese della Camera di Commercio), che non possiedono altri redditi da lavoro subordinato o di pensione che hanno cessato la partita Iva o avuto una significativa riduzione del reddito a causa della crisi economica derivante dalla pandemia

Leggi il Regolamento per avere maggiori informazioni su criteri di accesso, spese ammissibili e documenti da presentare [link: Il RegolamentoSlide Regolamento]

COME CANDIDARSI

Cliccando sul link qui di seguito è possibile:

  • Presentare la propria richiesta online
  • Scaricare il modulo per la richiesta da presentare agli sportelli (disponibile anche cliccando qui)
  • Scaricare la lista dei documenti da preparare per presentare la candidatura (disponibile anche cliccando qui)
  • Scaricare l’autodichiarazione Lavoratori Dipendenti (disponibile anche qui); l’autodichiarazione Lavoratori Autonomi (disponibile anche qui); l’Informativa Fondo Aiutiamoci nel Lavoro (disponibile anche qui)
  • Conoscere la lista degli sportelli da contattare per presentare la richiesta cartacea (disponibile anche cliccando qui)

Le richieste presentate in maniera completa entro il 10 del mese saranno valutate entro la fine dello stesso mese. Quelle che perverranno successivamente al 10 del mese, saranno valutate entro la fine del mese successivo.

Comincia a scrivere e premi Invio per cercare